DAL NOSTRO INVIATO ... Corrispondenze di guerra

Chiesa di Santa Maria dei Battuti - Cividale del Friuli -
ingresso libero
venerdì 28 settembre 2012 - ore 18.30

Venerdì 28 settembre 2012
alle ore 18.30
presso la Chiesa di Santa Maria dei Battuti
di Cividale del Friuli

DAL NOSTRO INVIATO ...
Corrispondenze di guerra

PRESENTA

Le guerre raccontate ai ragazzi


incontro con Toni Capuozzo
introduce Vittorino Michelutti

 

_____________________________

Spesso si vogliono proteggere i ragazzi da tutto ciò che di orribile, di malvagio c’è in questo mondo. E quale male è peggiore della guerra? Purtroppo però bisogna tenere conto che i conflitti esistono e ce ne sono davvero tanti nel mondo di oggi, nonostante le illusioni del pacifismo. "Se immaginassimo una cartina del mondo e provassimo a segnare le guerre con un piccolo punto rosso, sembrerebbe che il nostro pianeta soffra di morbillo" (pag.31).

Non bisogna mai smettere però di  lottare per un mondo migliore e proprio in quest’ottica conoscere i meccanismi che stanno alla base delle lotte tra i popoli è fondamentale. Toni Capuozzo parte proprio da questo presupposto e dalla domanda angosciante e senza risposta che i ragazzi pongono: perché la guerra? E’ un interrogativo che accompagna l’uomo da sempre, come da sempre lo accompagnano i conflitti che esplodono "come certe malattie, dopo un’incubazione più o meno lunga(…) Durante l’incubazione di una guerra le contraddizioni e i conflitti s’intensificano e si protraggono fino a diventare irrisolvibili, o meglio, fino ad esaurire – per mancanza di volontà, capacità o interesse degli stati coinvolti- ogni possibile soluzione non violenta ,”costringendo” all’uso delle armi " ( pag. 15).

Si parla quindi anche delle organizzazioni internazionali, delle armi e del terrorismo e l’autore si sofferma in particolare sulla questione palestinese, raramente approfondita sui libri di testo ma così importante per comprendere l’attualità politica del nostro pianeta. "All’inizio della mia esperienza come inviato di guerra, seguii il conflitto strisciante tra Israele e Palestina. Temo che andrò in pensione e quel conflitto sarà ancora lì, a tormentare i suoi protagonisti, a preoccupare la comunità internazionale, a richiamare i giornalisti" (pag. 69).

Il tutto ha una veste accattivante:  è  accompagnato da illustrazioni e citazioni di giornalisti, letterati, filosofi e uomini  politici che rendono gradevole la presentazione degli argomenti e forniscono spunti di approfondimento. Un piccolo volume da consigliare, quindi,  agli insegnanti prima di tutto, ma anche ai genitori e ai ragazzi che attraverso un linguaggio semplice ma preciso e  il meccanismo domanda/risposta  espone in modo chiaro e sintetico, ma a tempo stesso esauriente  gli aspetti di un fenomeno che purtroppo da sempre attraversa la storia dell’uomo. Pregevoli gli approfondimenti su questioni odierne che purtroppo conoscono mai abbastanza e che non trovano spesso adeguato spazio sui libri di scuola, raccontati con la sensibilità di chi li ha vissuti in prima persona

(tratto da: http://www.gliamantideilibri.it/archives/10592)

 


Si ringraziano le aziende che hanno collaborato alla realizzazione dell'incontro: azienda vinicola Zorzettigh cav. Giuseppe, distilleria Domenis, azienda CModonutti

Bookmark and Share